Scopri come calcolare il TFS con l’Inps: guida alla simulazione e alla richiesta

tfs inps

Sommario

Per richiedere un prestito per anticipo TFS/TFR, la quantificazione TFS Inps è fondamentale. Che tu opti per un finanziamento in convenzione con tasso agevolato (fino a 45.000 euro) o per un anticipo a tasso di mercato, devi dimostrare il tuo diritto all’indennità. Questo garantisce alla banca erogatrice la tranquillità di non rischiare un’insolvenza, come avviene nei comuni prestiti personali.

Ma come richiedere la quantificazione TFS? A chi rivolgersi? Solitamente l’ente erogatore dell’indennità è l’Inps e in questo caso, puoi presentare la richiesta online tramite l’apposito servizio. Se invece l’ente erogatore è il tuo datore di lavoro, devi rivolgerti a lui e seguire le modalità definite dall’amministrazione di competenza.

Il contenuto del documento deve sempre riportare i seguenti dati:

  • entità del TFS/TFR spettante;
  • tempistiche per l’erogazione del TFS/TFR;
  • modalità di erogazione del TFS/TFR.

Passo dopo passo: come richiedere la quantificazione del TFS all’Inps

Per richiedere la quantificazione TFS Inps, trasmetti la tua domanda online attraverso il sito ufficiale dell’ente previdenziale. Questo documento essenziale determina l’importo che la banca può concederti come prestito per anticipo TFS/TFR.

Per iniziare, accedi al portale www.inps.it e all’area riservata MyINPS. Qui potrai visualizzare e scaricare il certificato di quantificazione TFS entro 90 giorni dalla tua richiesta.

Per accedere al sito Inps utilizza uno dei seguenti metodi:

  • SPID;
  • Carta di identità elettronica (CIE);
  • Carta Nazionale dei Servizi (CNS).

Una volta effettuato l’accesso, seleziona la barra di ricerca e digita “domanda quantificazione TFS”. Tra i risultati, individua la scheda di prestazione “Domanda di quantificazione dell’anticipo finanziario TFS/TFR” e premi il pulsante “Accedi al Servizio”.

A seconda del trattamento che ti spetta, utilizza uno dei seguenti servizi:

  • Simulazione del TFS o invio domanda di quantificazione del TFS;
  • Richiesta quantificazione TFR per dipendenti pubblici.

Per presentare una nuova istanza di quantificazione, sarai indirizzato al Nuovo Portale TFR Dipendenti Pubblici “1 Click”. Qui potrai inoltrare la tua richiesta per una delle seguenti certificazioni:

  • Quantificazione TFS Inps ai fini della cessione ordinaria (ai sensi del DPR 180/1950), necessaria per l’anticipo a tasso di mercato, senza limiti di importo.
  • Inps quantificazione TFS ai fini della cessione agevolata (ai sensi del DL 4/2019) necessaria per l’anticipo della liquidazione a tasso agevolato, fino a 45.000 euro.

Puoi monitorare lo stato della tua richiesta in qualsiasi momento attraverso l’area riservata del sito Inps. Una volta che la certificazione è pronta, riceverai una mail e potrai scaricare il documento dall’area riservata. Il certificato non ha scadenza.

Utilizza il servizio online per stimare il TFS: guida alla simulazione di quantificazione

Inoltre, il sito Inps e il Nuovo Portale TFR Dipendenti Pubblici “1 Click” non solo ti permettono di richiedere la quantificazione TFS Inps, ma anche di simulare l’importo del TFS/TFR che ti spetta. Con la procedura guidata di simulazione, puoi inserire tutti i dati richiesti dal calcolatore e ottenere un’idea indicativa dell’importo che ti verrà erogato.

Tuttavia, è importante tenere presente che la simulazione fornita dal software non è vincolante per l’Inps e che la correttezza dei dati inseriti è fondamentale per ottenere una stima attendibile. Per garantirti una simulazione precisa e affidabile, ti consigliamo di rivolgerti a un consulente del credito specializzato in anticipo TFS/TFR. La loro esperienza e conoscenze specifiche ti garantiranno una consulenza personalizzata e un calcolo preciso dell’indennità che ti spetta. Inoltre, potranno supportarti anche durante le altre fasi della richiesta di prestito per anticipo TFS/TFR.

Prestiti: ottieni fino a 75.000 €

Scroll to Top